1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
Fondazione Bevilacqua La Masa

Contenuto della pagina

Non è mai troppo tardi

 

di Silvia Gribaudi
Un laboratorio ed una performance su identità e bellezza
Per la prima volta in scena otto veneziane sessantenni

Domenica 1 aprile 2012, ore 12.00
Venezia, Fondazione Bevilacqua La Masa
Palazzetto Tito, Dorsoduro 2826

Otto donne, sessantenni (e non solo) veneziane, per la prima volta si cimenteranno in una performance. Identità di genere e tempo, bellezza, corpi, biografie: è un lavoro sugli stereotipi e sulla libertà, che hanno sperimentato nel laboratorio di otto incontri, realizzato con la regia di Silvia Gribaudi, al Teatro Momo di Mestre.
Ora verrà presentato al pubblico sotto forma di performance domenica 1 Aprile, alle ore 12, nella sede di Palazzetto Tito della Fondazione Bevilacqua La Masa.
Un progetto-laboratorio che chiude il ciclo di performance "Otto+1. Materiali identitari ed imprevisti queer" dell'Osservatorio Queer del Comune di Venezia.

Non casuale la sede, perché a Palazzetto Tito è in corso (fino al 15 aprile) il progetto espositivo "Io Tu Lui Lei. Una mostra eterosessuale", sempre promosso dall'Osservatorio Queer e curata da Francesco Ragazzi e Francesco Urbano, nell'ambito dell'indagine creativasulle identità che da un anno si sta realizzando.Protagoniste di "Non è mai troppo tardi" sono Margherita Benigni, Milena Cecchetti, Paola Ferialdi, Donata Macchi, Franca Marcomin, Anna Maria Mazzucato, Sandra Salmasi, Edera Scandagliato.
L'evento offre uno sguardo sulle suggestioni proposte dalla mostra, attorno alle identità, ai generi, alle generazioni, attraverso i corpi di queste otto donne e tutto ciò che il tempo ha scritto su di loro. Otto distinte espressioni di femminilità, che ascoltano uno spazio d'arte, espongono le rotture ed i frammenti delle immagini della loro vita, offrono il proprio corpo allo sguardo, sottraendolo agli stereotipi.

«Non è mai troppo tardi per amare, guardare e farsi guardare - descrive il progetto site-specific Silvia Gribaudi - Non è mai troppo tardi per incontrarsi, sognare, ballare, appassionarsi, sfidarsi, raccontarsi, ricominciare, essere arte, essere umani».

"Non è mai troppo tardi" arriva a Venezia dopo varie tappe, riscuotendo sempre un grande successo: l'anno scorso è andato in scena - naturalmente con gruppi locali di donne - al Museo Civico di Bassano del Grappa, in occasione di una Mostra sul Canova; a Torino alla Galleria GAM all'interno del Festival Interplay; nel luglio a Villa di Montorso (Vi), per OperaEstateFestival e a Genova per il Festival di danza contemporanea Urban Bodies; a Novembre, infine, al MAMBo di Bologna.

Silvia Gribaudi è una coreografa e performer.
Nel 2008 l'assolo Un attimo è selezionato da Anticorpi eXpLo.Vince i premi di pubblico e giuria "Giovane danza d'autore" 2009 con Un attimo è selezionato da Anticorpi eXpLo. Vince i premi di pubblico e giuria "Giovane danza d'autore" 2009 con A corpo libero. Ospite nello stesso anno alla Biennale di Venezia, laperformance A corpo libero le dà visibilità anche a livello internazionale: nel 2010 lo spettacolo è infatti selezionato dal circuito 'Aerowaves-Dance Across Europe' 2010 e partecipa a numerosi festival europei. Nel 2010 è nel corpo di ballo della trasmissione televisiva Vieni via con me, in onda su Rai3, con la Compagnia Aldes.

www.silviagribaudi.com

-----------------
promosso da: Osservatorio Queer - Comune di Venezia
prodotto da: Associazione culturale Ottava Traversa
una co-produzione: Teatro Momo - Mestre
in collaborazione con: Fondazione Bevilacqua La Masa, Associazione
culturale E, Fondazione march, Collettivo Lesbico-Femminista "Vengo
Prima", Gender Bender Festival (Bologna).
Info: 041.2747644/43
veneziaqueer@gmail.com
http://queervenice.blogspot.com