1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
Fondazione Bevilacqua La Masa

Contenuto della pagina

Grazia Toderi. Teatri

20.12.03> 25.01.04

 
 
 

a cura di Francesca Pasini
Una proiezione sul Teatro La Fenice di Venezia era il progetto che avrebbe voluto presentare alla Biennale del 1999: ora, dopo la morte e la resurrezione del teatro, questo finalmente si realizza. La creazione del video richiederà qualche tempo dopo l'ultimazione dei lavori di restauro e verrà presentata al pubblico solo all'inizio effettivo delle rappresentazioni liriche del 2004. In quell'occasione verrà stampato un catalogo che riassume e collega tutta la produzione dell'artista attorno all'idea di teatro, ampliata fino a contenere quella di stadio sportivo e di arena all'aperto.
Nel frattempo Grazia Toderi (Padova 1963) presenta una personale presso la sede di Piazza San Marco della Fondazione Bevilacqua La Masa, nella quale espone per la prima volta una vasta ricognizione del suo lavoro sui teatri, che ha come prima matrice la visione dei film di Stanley Kubrick, un certo immaginario televisivo, la visione dall'alto delle città e tutto ciò che nella nostra epoca ha continuato e approfondito l'idea di rappresentazione teatrale.

La personale di Grazia Toderi, che dalla Biennale del 1993 ha partecipato a numerosissime rassegne internazionali, inaugura la nuova programmazione della Fondazione; essa intende porsi sia come momento di attenzione dell'arte contemporanea rispetto alla grande tradizione del teatro lirico italiano, sia come omaggio alla ricostruzione del teatro La Fenice.
Già nei primi video Grazia Toderi ha creato un intreccio con la musica lirica ed è poi passata alla ricerca sui teatri storici, dal Teatro Massimo di Palermo al Teatro Rossini di Pesaro fino ad alcuni più nascosti nella provincia italiana. La mostra, coprodotta dallo Iuav, Facoltà di Design e Arti, e dalla Fondazione Bevilacqua La Masa, si propone anche come una prima tappa che può fare dell'apertura della stagione lirica un appuntamento fisso anche per l'arte contemporanea.

La rassegna è curata da Francesca Pasini e avrà dunque due momenti.
Il primo con l'inaugurazione del 19 dicembre 2003, dove verranno presentate le video proiezioni "Random" (Teatro Massimo di Palermo, 2001) "Audience" (Teatro Comunale di Casale Monferrato, 2000), "Eclissi" (Teatro Comunale di Ferrara, 1999) "Orchestra" (Teatro Rossini di Pesaro, 2003), e le foto: "Il fiore delle mille e una notte" (Teatro Comunale di Modena, 1998), "Arena" (Arena di Verona, 2000), "Stage" (2000), "Il mondo privato" (Teatro di Verzura di Villa Caprile, 2003). Il secondo momento è programmato nel novembre 2004 con la proiezione del video su La Fenice e la pubblicazione del catalogo.
L'idea é di creare un punto nevralgico attorno al video su La Fenice inserendolo in un percorso che evidenzi il concetto di teatro messo in opera da Grazia Toderi in questi anni, cioè lo slittamento tra la teatralità del linguaggio video e la rappresentazione culturale, emotiva, sociale svolta dal teatro fin dalle origini.

Nelle proiezioni di Toderi c'è una particolare attenzione alle architetture a pianta centrale dall'Arena di Verona, a Castel Sant'Angelo, al Planetario, allo Stadio: luoghi che indicano uno slittamento tra la storia del teatro e quella della rappresentazione, tant'é che Toderi inserisce anche la televisione, come in "Quoi? L'éternité" (2003), che trasfigura l'immagine del quiz "Rischiatutto".
Per Grazia Toderi, quello che amalgama queste percezioni è il segno dell'architettura e il suo sviluppo storico: Venezia è, dunque, molto stimolante. Case, palazzi, canali, campi e campielli hanno una particolare assonanza con le quinte sceniche. Inserire qui le immagini di Grazia Toderi è un'occasione per analizzare oggi il patrimonio artistico italiano, di cui il teatro può essere un simbolo, sia dell'architettura sia del paesaggio, inteso come rete di palazzi, ville e castelli, che hanno sempre avuto al loro interno spazi di rappresentanza scenica. La ricerca di Grazia Toderi, puntando gli occhi su questa scenografia pubblica e privata, ne riattualizza l'immagine odierna.

 
 
 

Grazia Toderi
Il mondo privato, 2003
Cibachrome tra plexiglass
125 X 200

 

Grazia Toderi
Orchestra, 2003
frame da video