1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
Fondazione Bevilacqua La Masa

Contenuto della pagina

Portraits
Alex Katz

Galleria di Piazza San Marco
13.06.03> 30.09.03

 
 
 

a cura di Vincent Katz
La Fondazione Bevilacqua La Masa è lieta di presentare "Alex Katz Portraits", la prima mostra in Europa dedicata ai soli ritratti di Alex Katz, acclamato come un maestro dalla più giovane generazione di pittori internazionali.
Pur essendo stato protagonista di numerose retrospettive nei maggiori musei d´Europa, prima d'ora nessuna aveva focalizzato l'attenzione su questo aspetto chiave della sua pittura; eppure, si può affermare che i lavori più rappresentativi e più noti di Katz sono appunto i suoi ritratti.
Katz é stato riconosciuto come il pittore delle persone, del suo mondo o, più accuratamente, di molti mondi che si sovrappongono: quello della sua famiglia - in particolar modo sua moglie Ada, che ha ritratto innumerevoli volte -, il mondo degli artisti, dei poeti, dei ballerini, dei critici di New York, i mondi della moda e del glamour.
I ritratti di Katz non sono la traduzione letterale dei caratteri di una persona. Piuttosto, Katz considera il ritratto un mezzo per realizzare un dipinto contemporaneo. Le proporzioni nei suoi ritratti sono estremamente variabili; sono frequenti deformazioni intenzionali e spesso astuti artifici sono inclusi, come nei ritratti che appaiono ambientati all'aperto, ma che in realtà sono scene di interno, in cui la figura è davanti al dettaglio di un paesaggio dipinto da Katz stesso. Le opere di Katz, che hanno avuto innumerevoli riconoscimenti ancora prima dell'avvento della Pop Art, fondono armoniosamente le prospettive delle forme appartenenti alla cultura popolare con le pose e la composizione tradizionali della pittura classica. L'artista ha lavorato lontano dai movimenti del suo tempo, e negli ultimi anni il suo stile ha influenzato molti colleghi più giovani che lo considerano un loro maestro.
Katz incomincia un suo ritratto con piccoli studi dipinti dal vero. In seguito, affina l'immagine con un disegno a matita e poi, usando una tecnica tipica del Rinascimento, ingrandisce la traccia su carta mantenendo le proporzioni, perfora le linee del suo disegno e picchiettandole con il pigmento trasferisce l'immagine sulla tela. Infine, quando il disegno è pronto sulla tela e tutti i colori sono mischiati, dipinge rapidamente i suoi grandi ad olio, terminandoli in uno o due giorni.
Katz spesso lavora in serie e la mostra " Alex Katz Portraits" ne comprende alcuni esempi: "Uomo in camicia bianca" e "La donna che sorride".
I dipinti appartengono ad anni differenti, incominciando con "George Ortman" del 1958, una figura con uno sfondo monocromo, tipica dei dipinti dell'artista realizzati in quel periodo, e finendo con alcuni dei suoi più recenti ritratti datati 2003 e concepiti in occasione della mostra.
A partire dalla sua retrospettiva al Whitney Museum di New York, nel 1986, le opere di Katz sono state al centro di molte importanti mostre in Europa.
Nel 1995, la Staatliche Kunsthalle Baden-Baden ha ospitato una mostra di dipinti di paesaggi e collages. Nel 1996, l'Istituto Valenciano di Arte Moderna ha organizzato una personale di dipinti. Nel 1998, la Saatchi Gallery di Londra ha esposto la sua collezione di 26 grandi opere. Nel 1999 è stata allestita una mostra alla galleria Civica di Arte Contemporanea di Trento con la pubblicazione di un ampio catalogo, e, nel 2002, Alex Katz è stato protagonista di un'antologica di grandi dipinti alla Kunst-und-Ausstellungshalle der Bundesrepublik Deautschland a Bonn. Nel 2003, i suoi "cut-outs" sono stati esposti al Museo di Klagenfurt in Austria. Su Katz sono stati pubblicati molti libri e cataloghi, incluso il più recente, "Unfamiliar Images", pubblicato da Alberico Cetti Serbelloni Editore, Milano, nel 2002 e curato dal figlio Vincent Katz.
La mostra "Alex Katz Portraits" è anch'essa a cura di Vincent Katz, poeta e critico. Vincent ha trascorso il 2001-2002 all'American Academy a Roma come vincitore del John Guare Writer's Fund Rome Prize Fellowship per la Letteratura. Ha curato "Black Mountain College: Un´ Avventura Americana" per il Museo Nacional Centro di Arte Reina Sofia, Madrid 2002. Vincent Katz è anche autore di "Invented Symbols" (Cantz, 1997), il libro delle memorie di Alex Katz sulle sue esperienze formative come artista.
La mostra sarà accompagnata da un catalogo edito da Silvana Editore, concepito da Alex e Vincent Katz e con un saggio di Massimiliano Gioni.

 
 
 
ritratto di una donna dai capelli scuri, molto minuta, vestita di nero con un sopprabito

 
Alex Katz
Darinka
olio su tela

 
ritratto di una donna dagli occhi azzurri, capelli lunghi castani che indossa un basco rosa, una sciarpa azzurra e una giacca blu

Alek Katz,
Ellen, 2003
olio su tela

 
ritratto di una donna minuta con un cappotto blu e un grande cappello rosso

Alex Katz
Ena, 2003
olio su tela