1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
Fondazione Bevilacqua La Masa

Contenuto della pagina

8x12 Apertura degli studi della Giudecca

 
 
 

Giovedì 14 Novembre alle ore 20.30 ci sarà l'apertura degli Studi di SS. Cosma e Damiano, Giudecca 620. In occasione dell'evento 8 X 12 2006 saranno aperti ufficialmente gli studi che sono stati assegnati per un anno a otto nuovi artisti dopo un bando di concorso.

In occasione dell'inaugurazione della mostra dei borsisti dell'89ma Collettiva, la sera, presso gli ateliers, si terrà un rinfresco e musica dal vivo, a cura di Mario Tomè. Gli otto nuovi artisti che quest'anno occupano gli studi e che allestiranno i propri lavori sono Giorgio Andreotta Calò, Nemanja Cvijanovic, Giuseppe Gonella, Brunno Jahara, Adriano Nasuti Wood, Giuliana Racco, Mario Tomè e il gruppo 6421.

Giorgio Andreotta Calò lavora con materiali industriali e produce installazioni e sculture che inducono a una riflessione di tipo documentaristico e di studio del contesto architettonico e ambientale. I suoi lavori sono contraddistinti, infatti, da una connotazione site-specific, alla cui base sta una precisa intenzione progettuale e teorica.

Nemanja Cvijanovic è un'artista che esplicitamente e volutamente fa uso di tutta la globalità dei mezzi artistici, dal video alle installazioni. Il filo conduttore lungo cui quest'artista si muove è una profonda analisi critica e politica della società.

Giuseppe Gonella si occupa di pittura prevalentemente figurativa e ritrattistica. Nelle sue tele di grandi dimensioni, quest'artista unisce una tecnica vitale e quasi barocca dal punto di vista cromatico a uno studio di soggetti umani colti nella loro quotidianità.

Brunno Jahara svolge la propria ricerca a partire da presupposti di grafica e di design. Per produrre installazioni e oggetti, quest'artista si rifà in particolar modo a materiali plastici, modellati e spesso poi fotografati. Si tratta infatti di un tentativo di fornire un gran numero di oggetti, tale da dimostrare quali sono i limiti dell'arte e del design.

Adriano Nasuti Wood si occupa prevalentemente di disegno e video. Il suo progetto artistico, infatti, ha come obiettivo l'utilizzo di apparecchiature specifiche e un'analisi accurata delle potenzialità del video e del disegno; proprio a partire da tale studio egli può dunque approfondire i limiti e le possibilità del mezzo artistico nella sua particolare dimensione narrativa.

Giuliana Racco è un'artista impegnata ad esplorare le potenzialità della lingua e la questione della sopravvivenza; partendo dalla propria esperienza, indaga la lingua, i contenuti sociali e relazionali che in essa si manifestano. I mezzi prescelti sono di natura multimediale, con particolare interesse verso il video e la rete, in quanto fondamentale fonte di comunicazione e di scambio.

Mario Tomè produce delle installazioni che si inseriscono nel contesto ambientale e spaziale in cui si trovano. Si tratta di opere di grandi dimensioni che riutilizzano materiali molto comuni, come la cera e il fil di ferro, per dare luogo a forme riconoscibili che appartengono a un immaginario comune.

6421 è un gruppo composto da più persone - ma aperto anche a ulteriori contributi, - e presenta un progetto di collaborazione per l'apertura di una TV in streaming. Il gruppo ha come obiettivo la libera produzione e la libera diffusione di progetti di video comunicazione (videoart, videointerviste, videorecensioni, etc) di orientamento artistico ma senza alcuna velleità didattica.